Via Dante, 3 - 20881 Bernareggio 0396902541

Rassegna stampa

Non solo residenze. Il recupero di fienili e stalle.

Corti, cascine. Per secoli non sono state solo un posto dove abitare, ma un modo di vivere. Insieme. E da anni c'è un associazione nel Vimercatese, gli Amici della Storia della Brianza, che va a cercare, scatta foto, si fa raccontare quel modo di vivere. uno di loro, l'architetto Giorgio Brambilla. ne ha mappate più di 50 nell'est della Provincia, ha visto spesso come cadano a pezzi senza che nessuno intervenga.

A Vimercate, ad esempio: le cascine storiche che quasi distrutte sono almeno cinque, la più antica risale in parte alla fine del Cinquecento.

"I proprietari le lasciano in rovina - racconta Brambilla - gli imprenditori non si avventurano in operazioni edilizie che rischiano di diventare uno slalom tra imprevisti , burocrazia e risultati incerti". Ma il Comune di Vimercate ha approvato un progetto nuovo, per cercare di rendere il recupero meno complicato. E per spingere proprietari o imprenditori edili a farsi avanti. Sperando che faccia scuola: "Per noi è un cambio di prospettiva, speriamo posa esser un utile esempio anche per altri Comuni", spiega l'assessore alla Pianificazione Corrado Boccoli.

Partendo da qui: "uno dei grandi freni per chi vuole ristrutturare antiche cascine è che possono esser destinate quasi sempre solo ad uso residenziale. Noi abbiamo invece previsto con un'apposita variante nel Piano di governo del territorio che chi presenta un piano di recupero può chiedere anche di destinare parte degli edifici ad altre funzioni, ad esempio ricettiva o terziaria o commerciale". Cascine che, una volta ristrutturate, cambiano volto ma anche uso, ad esempio con negozi, bar, ristoranti, bed and breakfast.

"Maggiore flessibilità quindi - continua Boccoli - ma con un punto fermo: è l'amministrazione che accetta caso per caso. E con questa variante di Pgt la risposta arriva in poche settimane, mentre prima la burocrazia richiedeva mesi".

E gli Amici della Storia della Brianza, approvano: "Questo progettto è per quanto ne sappiamo unico in zona - spiega Giorgio Federico Brambilla - ed è positivo. Alla fine il risultato è anche spesso più rispettoso dell'architettura originaria".

A Bellusco ad esempio è arrivato due anni fa il Politecnico di Milano (corso di progettazione architetonica) per usare la Corte del Dosso come banco di prova per progetti e soluzioni di recupero degli studenti. Una ventina di elaborati: alloggi solidali, cohousing, sale pubbliche. "In alcuni paesi questi progeti alternativi sono già realtà - continua Brambilla -, ad esempio la cascina Brambiall a Burago in parte trasformata in aule speciali per le scuole, oppure la Corte dei Mugnai alla Cascina Offellera di Agrate: io stesso ho curato il recupero, ospita oggi anche un bar, un ristorante, un museo, un mulino".

Leila Codecasa

dal Corriere della Sera di Venerdì 23 Ottobre 2015

Quattro i benemeriti premiati dagli "Amici della Brianza".

Bernareggio L'associazione "Amici della storia della Brianza" premia due bernareggesi, un vimercatese e un concorezzese con la targa riconoscimento e la tessera onoraria del sodalizio per essersi contraddistintim nel corso degli anni, in campo artistico, culturale, letterario e sociale in Brianza.

La cerimonia di consegna delle benemerenze (kermesse fortemente voluta dal nuovo presidente Silvio Brienza) è avvenuta sabato a Palazzo Landriani alla presenza del sindaco Andrea Esposito e dell'assessore alla Cultura Stefano Crippa ed è stata preceduta da un ricordo di Fabrizio Pignatai già presidente del sodalizio scomparso lo scorso anno.

Due, dicevamo, i cittadini residenti a Bernareggio premiati: si tratta di Pasquale Galbusera e Camillo Brambilla.

L'artista Galbusera, 72 anni, conosciuto come "il Bernareggino", ha iniziato la sua carriera artistica con la pittura per poi passare alla scultura. Ha partecipato a diversemostre nazionali e internazionali e le sue sculture si trovano anche nella Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola. Ma il Bernareggino è famoso per aver donato l'opera artistica che si trova all'ingresso del palazzo comuncale.

Invece Camillo Brambilla, 82 anni, è stato premiato per aver tramandato dal bisnonno l'attività di costruzione artigianale di flauti(firlinfeu in dialetto). Si tratta di strumenti utilizzati da bande folcloristiche e per la musica popolare. "I miei strumenti sono stati acquistati anche dal Conservatorio di Milano, dalla Raie rivenduti all'estero", ha sottolineato Brambilla.

La terza targa è stata consegnata al 92enne Giuliano Bonati di Concorezzo, già professore e preside nonchè vicepresidente dell'archivio storico di Concorezzo e creatore del bollettino delle attività del'archivio. "Ho scritto un libro con oltre 200 immagini su Concorezzo e ho crato l'archivio della scrittura popolare., ha sottolineato Bonati.

Infine non poteva mancare un riconoscimento per l'orenese Mario Motta, 93 anni, archivista della parrocchia, cofondatore del Circolo culturale orenese, direttore della compagnia filodrammatica di Oreno, ma, sopratutto, ideatore della tradizionale Sagra della Patata. "I giovani non devono mai dimenticare l'eredità del passato - ha sottolineato il primo cittadino - Un grazie ai premiati per le fondamenta che hanno lasciato al paese e a noi giovani"

A margine della cerimonia di premiazione è stato presentato il numero annuale della rivista "La Curt, che contiene articoli redatti dai soci dell'associazione ed è stata inaugurata la mostra, a cura di Gilberto Bartolomeo, intitolata "Ville e panorami della Brianza" con fotografie di suggestivi angoli della Brianza unitamente a numerosi volumi di fotografie.

Rodrigo Ferrario

dal Giornale di Vimercate di Martedì 15 Settembre 2015

Cariche sociali

PRESIDENTE

Silvio Brienza

VICEPRESIDENTE

Emilio Comi

COMITATO DIRETTIVO

Biffi Abele, Bonfanti Michela, Brambilla Giorgio, Brambilla Sandra, Carzaniga Mauro, Colombo Aldo, Pozzoni Agnese, Varisco Aldo, Oggioni Giulio